Menu Chiudi

Semi Femminizzati , Regolari oppure Autofiorenti. Quali sono le differenze?

semi regolari cannabis coltivazione differenze sesso

I semi di cannabis standard provengono da un genitore maschio e uno femmina e possono produrre piante sia maschili che femminili.

In Questo articolo analizziamo le differenze tra i semi di cannabis.

Semi Regolari di Cannabis

Con i Semi Regolari è praticamente impossibile stabilire se un seme di cannabis regolare diventerà un maschio oppure un seme  femminizzato. Naturalmente, dopo aver raggiunto la fase di fioritura, è molto più semplice identificare e separare piante maschi e femmine. I maschi produrranno baccelli ovali mentre le femmine produrranno un calice a forma di lacrima.

nei semi regolari il rapporto di crescita tra maschio a femmina con semi regolari è di circa 1 a 1 (circa il 66% di donne). Quando inizi la germinazione, è nel tuo interesse supporre che il 50% dei semisemi regolari cannabis italia coltivazione finirà per diventare piante di cannabis femmina. Quando coltivi semi regolari dovresti sempre germinare qualche seme in più per compensare tutti i maschi che scarterai più tardi durante il periodo di fioritura precoce.

Un certo numero di variabili diverse determinano se i semi regolari sono più adatti ad alcuni coltivatori rispetto ai semi femminizzati. Le condizioni della crescita, la quantità di tempo e spazio disponibili, la scelta preferita e il livello generale di competenze entrano in gioco. Se vuoi allevare cannabis e produrre nuovi semi, allora hai bisogno di piante sia maschili che femminili, che richiederebbero semi regolari. Se non hai interesse nell’allevamento e vuoi solo avere qualche gemma eccezionale, allora i semi femminizzati potrebbero essere una scelta migliore.

Semi femminizzati di cannabis

Al contrario dei semi regolari, i semi femminizzati vengono allevati appositamente per eliminare i cromosomi maschili, garantendo in modo efficace che ogni pianta del raccolto sia femminile. Se stai cercando una coltivazione rapida e semplice, allora i semi femminizzati sono perfetti. I semi femminizzati eliminano efficacemente la necessità di identificare i generi perché le piante saranno sempre femminili.

Anche i semi femminizzati hanno senso in altri modi logistici. Con semi regolari, i coltivatori tendono a germinare semi extra (fino a raddoppiare la quantità prevista) per tenere conto dei maschi non necessari. Se usi semi femminizzati, devi solo germinare tutte le piante di cui hai bisogno.

Attenzione agli Ermafroditi

Un altro aspetto in gioco è che la cannabis non è strettamente maschile o femminile. Qualsiasi pianta di marijuana può produrre fiori di entrambi i sessi a seconda di determinate condizioni. Alcuni fattori ambientali possono far sì che una pianta possa coltivare fiori di entrambi i sessi contemporaneamente. In generale, questa è una risposta allo stress che innesca un meccanismo di sopravvivenza nella pianta. Cadute di temperatura, danni fisici, problemi con il ciclo di luce e altri fattori di stress possono causare alla pianta di produrre caratteristiche intersessuali. La risposta della pianta a queste condizioni è riconoscere che le possibilità di sopravvivenza e in definitiva la riproduzione sono basse. L’impianto ha una risposta di sopravvivenza integrata per garantire che possa riprodursi con successo. In queste circostanze, una pianta femminile produrrà fiori maschi staminati in modo che possano impollinare i propri fiori femminili di pistillo. Questo permette loro di produrre semi senza la necessità di un maschio. In alcuni casi, le piante maschili produrranno pistilli, ma questo è raro.

Produzione Semi Femminizzati di Cannabis

a differenza dei semi regolari, i semi di cannabis femminizzati sono stati prodotti utilizzando due piante di marijuana femminile. Una delle piante in questione avrebbe avuto tendenze ermafrodite (o, la propensione a creare fiori maschili durante lo stress). Per sottolineare la pianta, i coltivatori interrompono il ciclo di luce o potano rami o foglie. Il polline prodotto dalla pianta ermafrodita sarebbe quindi utilizzato per impollinare la femmina “pura”. Sfortunatamente, le piante ermafrodite usate per impollinare le femmine potevano passare quel tratto ermafroditico fino ai semi risultanti. Ciò significava essenzialmente che i semi femminizzati mostravano una tendenza più forte ad essere ermafrodita piuttosto che puramente femminile.

Nel corso del tempo, tuttavia, il processo di creazione di semi femminizzati è migliorato e si è rivelato più complesso. Con l’aiuto di diversi tipi di argento (scopri come produrre semi di marijuana femminizzati usando argento colloidale), è diventato possibile forzare anche le femmine più pure a creare fiori di cannabis maschi. Quindi, i semi creati da queste piante non hanno alcuna propensione verso l’intersessualità. Tutti i semi femminizzati di Erba di Grace sono creati con questo metodo.

Per dirla semplicemente, l’intersessualità o l’ermafroditismo è una parte naturale del genoma della pianta di marijuana. A seconda della genetica di ogni pianta, hanno maggiori o minori possibilità di diventare ermafroditi a causa di determinate condizioni. Anche questi semi NON sono geneticamente modificati, il che significa che i geni non vengono né aggiunti né rimossi dalla pianta. Le piante madri stesse potrebbero essere considerate “modificate fisicamente” dall’argento, ma i semi stessi sono prodotti naturalmente attraverso l’impollinazione.

Semi Autofiorenti di cannabis

Ceppi di marijuana che sono autofiorenti generalmente piccoli e ideali per la crescita all’aperto. Le ore di luce  diminuiscono e non è necessario un cambio di stagione per far fiorire i semi autofiorenti di cannabis. semi di cannabis per coltivazione La maggior parte delle piante di marijuana standard iniziano a fiorire alla fine dell’estate, con l’inizio dei giorni in cui si accorcia e la quantità di luce diminuisce. Le piante riconoscono che devono iniziare a maturare prima dell’inizio dell’inverno. Le piante da semi autofiorenti sono diverse. Entreranno nella fase di fioritura anche se ricevono 24 ore di luce.

Per le piante da semi autofiorenti, in genere occorrono 10 settimane dall’inizio alla fine. È inoltre possibile trovare semi autofiorenti femminizzati che forniscono i doppi benefici di una raccolta rapida e non è necessario identificare i sessi delle piante. Questi semi possono produrre circa 2 raccolti nell’arco di un normale periodo estivo.

Resa:

a differenza dei semi regolari con semi autofiorenti, puoi aspettarti tra i 50 ei 500 grammi per m2. Questo dipende da come la pianta viene mantenuta e curata.

Le piante autofiorenti rimangono piuttosto piccole, quindi puoi piantarne alcune per ogni metro quadrato. Se vuoi goderti un po ‘di erba all’aperto in circa 10 settimane, usare questi semi di cannabis ti sarà sicuramente d’aiuto. Detto questo, la resa e la qualità non sono all’altezza dei semi che fioriscono regolarmente.

Con semi autofiorenti femminizzati, dovresti fornire alla pianta una formula di crescita per le prime 2 o 3 settimane. Dopodiché, puoi passare alla formula di fioritura.

Caratteristiche della fioritura automatica dei semi di cannabis

• Generalmente alta da 30 a 60 centimetri
• Adatta per la crescita outdoor
• Inizia a fiorire automaticamente dopo circa 3 settimane
• Dal seme alla raccolta occorrono dalle 9 alle 10 settimane

VERIFICA LA TUA ETA

Cliccando Si dichiari di essere maggiore di 18 anni ed usare i prodotti venduti su questo sito secondo quanto stabilito dalle norme legali in vigore nel tuo Paese.